Elegant People Avoid Raw Garlic Like Vampires


Anti-Garlic Chefs and Celebrities, Elegant People after My Own Heart

Truly elegant and considerate people DO NOT EAT RAW GARLIC, nor do they sabotage their friends by inserting it into their cuisine. I thought this was common knowledge, proper etiquette and behaviour--comme il faut--among civilised cooks and those who entertain in elegant fashion. But, I have seen a website that claims to be "elegant gourmet" while dishing out recipes that contain as many as "six cloves of raw garlic." Heaven help the unwitting "gourmands" who end up reeking in the office or home for as long as a week after ingesting those poisonous concoctions.

In England, household staff are required to never ingest raw garlic or onions, in order to not offend those who live in or visit the home. Butlers especially are fired for such breaches in common, traditional etiquette. Why, then, is the culinary world bent on sabotaging our very lives with raw garlic in the most unlikely of dishes? Certainly, raw garlic is used by some classes of people in many European countries. Provence, for instance, where we have an 11th-century ruin, has among a certain faction of its population many adherents to the raw-garlic lifestyle. They keep to themselves, though, and don't really mix with the elegant stratum of society. Tourists are bidden to partake of the stuff in some traditional Provençale peasant cuisine, however, and they announce their presence by bearing that tell-tale aroma.

There is an increasing awareness, among chefs and those who employ them, of the trouble caused by the "stinking flower". An anti-garlic movement has been in existence for a at least four years. Notables such as actress Monica Bellucci have been outspoken in the cause. Here is a Sicilian chef/restaurant-owner whose anti-garlic stance has made the news:
Filippo la Mantia
Anti-Garlic Celebrities
And, from my Cuisine blog entry of 2007, this somewhat amusing Babelfish translation of Filippo la Mantia's culinary philosophy:

"Filippo La Mantia, Sicily
Here is a rough translation by Babelfish (always living up to its name), of Chef La Mantia's Philosophy of food:

MY PHILOSOPHY OF FOOD the food, meant like nutriment, creed is the first concept to which the man it has referred, it is born with the life and therefore ago part in way total of our structure and our desires. The represented food is the last frontier with which we must be confronted and after many years of innovations and searches, creed has arrived the moment to return to the origins of its value. As we know, our physicist has need absolutely of respect and is sure that good feedings are to the base of a good standard of living. In recent years, the food it is successful to imporsi on all which before was considered custom. But like all the phenomena, he has a beginning and one fine. The beginning is, exactly, in the interest that provokes the innovation dictated from the innovation, the fine ones instead is represented from the "not innovation", not to know to manage the traditions from which it it is created. In all the fields, there is always something that comes definito"vintage" but it is a term that currently comes considered, to dispetto of the times and the generations, always interesting. In my case, the kitchen that I realize is based entire on the origins of my earth. The Sicily has strong culinarie traditions, pack-saddles to think that all the populations that have decided to construct something in our island have left strong inseminazioni cultural. He is the Greeks who the Normanni, is the Bizantini that the Arabs, have made yes that my wonderful island with the territorial potentialities and above all with the climate that of it has made a pearl of the Mediterranean, have handed on nel.giro.di.i centuries many and many traditions, that they come in its turn differentiated from the province. The province of Palermo and that one of Bottoming drills are those to which I refer and of which they are proud to belong. The island of Pantelleria, as an example, has been one extraordinary school in order to assimilate all those scents with which today, in my trade of cook, I confront to me. Because they are, exactly, the scents the elements to which the my kitchen one refers. Also I have risked to modify the sicialian traditional kitchen. They are allowed to me to eliminate some of the ingredients to which the traditions, always they have referred, that is the garlic and the onion. I have eliminated also the soffritti having added, but, many scents. I love the basil, I adore the mint and the capers, I use the origano and the almonds and to times the cinnamon. But stravedo for the citruses and of it I make wide use, is in the cake that in the salato one. Every type of territorial kitchen, creed, has poor but dignitose origins. The use of the food in the poor quarters of Palermo was the only one half of comfort and gathering around a table very imbandito made to forget for little hours, the life of hardships and hard job. Therefore plates were born type "the zucca in bittersweet" that was defined the liver of the poor ones. In how much the liver was considered an expensive food, consequently the zucca it came consumed in the same way of a rich plate. Also the anelletti it put into an oven to you have humble origins. The women, during the week, went in turn for salumerie to collect the dregses of the insaccati ones. Sunday, came cooked and put into an oven this wonder of the kitchen. The procedure was that one to cook the paste to half baking. It came prepared the gravy with the cotenne of pig and came fried the eggplants. The eggs were made hard and to the end that all these ingredients were ready, it was proceeded to re-unite them within one teglia of aluminum. Therefore, to the paste, it came added the gravy, the rests of the salumi, eggs hard, the eggplants and the canestrato one, cheese much fort but little expensive. It came put all within the teglia round, it was dusted off then with of the bread crumb and the slices of mature oil tomato goccio and... within the furnace for one a good half scant hour. The odore that was diffused in the kitchen and the house was extraordinary and the moment to serve that wonderful pietanza was considered, always, a magical moment for all. The paste to the furnace was and is, still today, a typical plate of the scampagnate ones for Passover or 1° the May. Here, these are two small examples of traditional kitchen and poor but of great structure and importance, indelebile and always they puts into effect, also for the more demanding palates. Today, creed, than my plan of kitchen it has tantissimi you find and smash hit exclusively for the semplicità and the way to be "light". The concept "light", if therefore we can define it, comprises is the ingredient that the way to use it and to transform it. Not using at all soffritti, I avoid oils burns to you or exausted. Firmly they are convinced that the use of the garlic covers and therefore servant from alibi for whichever type of prepared pietanza. The scent concept is been born above all in order to stimulate the cells memorizzare and to leave one indelebile trace to the palate. The use of the citruses mostly serves to harmonize the sapori, to create an nourishing feeding and one extraordinary line with my earth of origin. I do not want that someone tasks that mine it is an attitude, my choice it is in modernizing my kitchen and represents, for me, the evolution but with strong tradition ancient. Creed that "gourmet", today, has eaten and drunk of all the and paradox of our times is, exactly, in the phenomenon to consider a restaurant or one chef, plus important of a museum or a work of art. It more and more often succeeds that when is returned from a travel it is along that short, it is not spoken more than art works but of restaurants and plates tastes to you. Therefore my concept of food is in creating an atmosphere of house, confort, service and food to allow the commensali to travel being seated on a comfortable chair to taste of the food that simple important storys they something but, of traditional but with an inner force it originates them, such to render that only, every experience qualvolta of wishes... creed that features, in meditation bottom. You allow me to change menu nearly the every day, allow me to space with the fantasy, allow me to love every day more my job and above all to dedicate me to You as I have always wished to make...."
Filippo La Mantia 
Four years after first posting this poor translation by Babelfish, I went there and had it translated back into its original Italian, which makes so much more sense:

"La MIA FILOSOFIA DI ALIMENTO

L'alimento, significata come il nutrimento, dottrina religiosa è il primo concetto a cui l'uomo esso si è riferito, nasce con la vita e quindi fa la parte nel totale di senso della nostra struttura e dei nostri desideri. L'alimento rappresentato è l'ultima frontiera con cui dobbiamo essere confrontati e dopo che molti anni di innovazioni e di ricerche, dottrina religiosa è arrivato il momento da rinviare alle origini del relativo valore. Come sappiamo, il nostro fisico ha bisogno assolutamente di rispetto ed è sicuro che le buone alimentazioni sono alla base di buon tenore di vita. Negli ultimi anni, l'alimento riesce al imporsi su tutti di cui prima sia stato considerato su ordinazione. Ma come tutti i fenomeni, ha un inizio ed un'indennità. L'inizio è, esattamente, nell'interesse che provoca l'innovazione dettata dall'innovazione, quelle fini preferibilmente è rappresentato dal " non innovation" , non sapere per dirigere le tradizioni da cui esso è generato. In tutti i campi, ci è sempre qualcosa che venga definito" vintage" ma è un termine che attualmente viene considerato, al dispetto dei tempi e delle generazioni, sempre interessante. Nel mio caso, la cucina che realizzo è intero basato sulle origini della mia terra. La Sicilia ha forti tradizioni del culinarie, imballare-sella per pensare che tutte le popolazioni che hanno deciso di costruire qualcosa nella nostra isola abbiano lasciato il forte inseminazioni culturale. È i Greci che il Normanni, è il Bizantini che gli arabi, hanno reso sì a quell'mia isola meravigliosa con le potenzialità territoriali e soprattutto con il clima che di esso ha fatto una perla del Mediterraneo, hanno passato sui secoli di nel.giro.di.i molti e molte tradizioni, che vengono a sua volta differenziato dalla provincia. La provincia di Palermo e quell'di basare i trivelli sono quelle a cui mi riferisco e di quale sono fiere appartenere. L'isola di Pantelleria, come esempio, è stata una scuola straordinaria per assimilare tutti quei profumi con cui oggi, nel mio commercio del cuoco, confronto a me. Poiché sono, esattamente, i profumi gli elementi a cui la mia cucina una si riferisce. Inoltre ho rischiato di modificare la cucina tradizionale sicialian. Sono permessi me eliminare alcuni degli ingredienti a cui le tradizioni, si sono riferite sempre, che è l'aglio e la cipolla. Ho eliminato inoltre il soffritti che aggiunge, ma, molti profumi. Amo il basilico, adore la menta ed i capperi, uso il origano e le mandorle e cronometra la cannella. Ma stravedo per gli agrumi e di esso faccio l'uso largo, sono nella torta che nel salato uno. Ogni tipo di cucina territoriale, dottrina religiosa, ha origini del dignitose ma dei poveri. L'uso dell'alimento nei quarti difficili di Palermo era l'unico a metà della comodità e della riunione intorno ad un imbandito della tabella molto fatto per dimenticare per le piccole ore, la durata delle difficoltà ed il lavoro duro. Di conseguenza i piatti erano tipo nato " lo zucca nel bittersweet" quello è stato definito il fegato di quei poveri. In quanto il fegato è stato considerato un alimento costoso, conseguentemente lo zucca è venuto consumato nello stesso senso di un piatto ricco. Inoltre il anelletti che ha messo in un forno a voi ha origini umili. Le donne, durante la settimana, sono andato a loro volta per salumerie raccogliere i dregses del insaccati un. Domenica, è venuto cucinato e messo in un forno questa meraviglia della cucina. La procedura era quell'per cucinare la colla a cottura mezza. È venuto ha preparato il sugo con il cotenne del maiale ed è venuto ha fritto le melanzane. Le uova sono state fatte duro ed all'estremità che tutti questi ingredienti erano pronti, è stata proceduta per riunirla all'interno di un teglia di alluminio. Di conseguenza, alla colla, è venuto ha aggiunto il sugo, i resti del salumi, le uova duro, le melanzane e il canestrato una, formaggio molti fortificazione ma poco costoso. È venuto ha messo tutti all'interno del teglia rotondo, è stata impolverata fuori allora con della briciola di pane e le fette di goccio maturo del pomodoro dell'olio e… all'interno della fornace per una un la buona ora limitata mezza. Il odore che è stato diffuso nella cucina e la casa era straordinaria ed il momento servire che il pietanza meraviglioso è stato considerato, sempre, un momento magico per tutti. La colla alla fornace era ed è, ancora oggi, un piatto tipico dello scampagnate un per il Passover o 1° il maggio. Qui, questi sono due piccoli esempi della cucina e dei poveri tradizionali ma di grandi struttura ed importanza, indelebile ed attuano sempre, anche per i palati più esigenti. Oggi, dottrina religiosa, che il mio programma della cucina ha tantissimi che trovate e che fracassate il colpo esclusivamente affinchè il semplicità ed il senso siate " light". Il " di concetto; light" , se quindi possiamo definirli, contiene è l'ingrediente che il senso usarlo e trasformarlo. Non usando a tutto il soffritti, evito le ustioni degli oli a voi o exausted. Sono convinte saldamente che l'uso delle coperture e quindi del servo dell'aglio dall'alibi per quale tipo di pietanza pronto. Il concetto del profumo è sopportato soprattutto per stimolare il memorizzare delle cellule ed affidare una traccia indelebile al palato. L'uso degli agrumi principalmente servisce ad armonizzare il sapori, per generare un'alimentazione di nutrizione ed una linea straordinaria con la mia terra dell'origine. Non voglio che qualcuno incarichi che la miniera esso è un atteggiamento, la mia scelta che è nel modernizzare la mia cucina e rappresenti, per me, lo sviluppo ma con forte tradizione antica. Dottrina religiosa che " gourmet" , oggi, ha mangiato e potabile di tutti i e paradosso dei nostri periodi è, esattamente, nel fenomeno considerare un ristorante o un cuoco unico, il più importante di un museo o un lavoro dell'art. Sempre più spesso riesce che quando è rinviato da una corsa che è lungo quel bicchierino, non è parlata più di opere d'arte ma dei ristoranti e placca i gusti a voi. Di conseguenza il mio concetto di alimento è nella generazione dell'atmosfera della casa, del confort, del servizio e dell'alimento per permettere che il commensali viaggi essendo mettendo su una sedia comoda al gusto dell'alimento che gli storys importanti semplici qualcosa ma, di una forza tradizionale ma con interna esso li produce, tali per rendere quello soltanto, ogni qualvolta di esperienza della dottrina religiosa di desideri… che caratteristiche, nella parte inferiore di meditazione. Permettete me cambi il menu quasi il giornaliere, che lo permettete a spazio con la fantasia, che permettete che me ami giornaliere il più mio lavoro e soprattutto lo dedichi a voi come ho desiderato sempre fare…."